Siti Unesco in Sicilia
Spread the love

Anno di iscrizione nella World Heritage List: 2002

Le otto città della Sicilia sud-orientale che sono state tutte ricostruite dopo il 1693 accanto o nell’area di città esistenti al momento del terremoto che ha avuto luogo in quell’anno sono:

  • Caltagirone
  • Militello Val di Catania
  • Catania
  • Modica
  • Noto
  • Palazzolo
  • Ragusa
  • Scicli

 Le città erano tutte esistenti in epoca medievale, tipicamente organizzate intorno ad un castello e con fondazioni monastiche. La maggior parte sembrano essere state modificate nel corso dei secoli 16° e 17° e poi sono state colpite in modo differente dal terremoto del 1693.

Queste città rappresentano un notevole impegno collettivo, effettuato con successo ad un alto livello di realizzazione architettonica e artistica. Rientrano nello stile tardo barocco del tempo, rappresentano anche le innovazioni distintive dell’urbanistica ed edilizia urbana.

Giustificazione per l’iscrizione

  1. Questo gruppo di città nella Sicilia sud-orientale forniscono una testimonianza eccezionale del genio esuberante dell’arte tardo barocca. 2.
  2. Le città della Val di Noto rappresentano l’apice e la fioritura finale dell’arte barocca in Europa.
  3. L’eccezionale qualità dell’arte tardo barocca in Val di Noto risiede nella sua omogeneità geografica e cronologica, così come la quantità, risultato del terremoto 1693 in questa regione.
  4. Le otto città della Sicilia sud-orientale, caratteristiche del modello di insediamento e la forma urbana di questa regione, sono permanentemente a rischio per i terremoti e le eruzioni del vulcano Etna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »